Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo ONDA DEMOCRATICA JULIJA TYMOSHENKO: NIENTE FOTO E VIDEO NEL SECONDO PROCESSO

JULIJA TYMOSHENKO: NIENTE FOTO E VIDEO NEL SECONDO PROCESSO

Il giudice del Tribunale Kyjivs'kyj di Kharkiv riprese video e fotografiche durante il procedimento giudiziario a carico della Leader dell'Opposizione Democratica ucraina, che sarà obbligata presentarsi in aula nonostante le precarie condizioni di salute. Pervenuta la notizia del trasferimento dell'ex-Primo Ministro dal carcere in ospedale.
JULIJA TYMOSHENKO: NIENTE FOTO E VIDEO NEL SECONDO PROCESSO

La Leader dell'Opposizione Democratica ucraina, Julija Tymoshenko, durante il primo processo. FOTO MATTEO CAZZULANI

I giornalisti sono ammessi, ma senza telecamere e macchine fotografiche. Nella giornata di venerdì, 20 Aprile, nel corso della seconda seduta del processo in cui la Leader dell'Opposizione Democratica, Julija Tymoshenko, è imputata per evasione fiscale e sottrazione indebita di danaro statale durante la presidenza del colosso energetico JEESU, il giudice, Kostjantyn Sadovs'kyj, ha respinto tutte le richieste della difesa.

Nello specifico, il magistrato ha negato la trasmissione video e la documentazione tramite fotografie del processo, motivando tale decisione con il possibile inquinamento delle deposizioni che sarebbe originato dalla possibilità per ogni testimone di prendere atto di quanto deposto da chi lo ha preceduto.

Inoltre, Sadovs'kyj ha rigettato la domanda di trasferire il processo dalla Corte Kyjivs'ka di Kharkiv al Tribunale Podils'kyj di Kyiv, a cui, secondo la difesa, spetta la giurisdizione territoriale. Infine, il giudice ha stabilito che entro la seduta successiva  dovrà essere redatto un verbale per accertare la condizione fisica della Tymoshenko, così da garantire la presenza dell'imputata in aula per la conduzione del procedimento.

"Non è escluso che porteremo la Tymoshenko in aula addirittura in barella - ha dichiarato uno degli esponenti della Pubblica Accusa, il Procuratore Viktorija Kalyta, in ogni caso saranno gli organismi competenti a decidere sul trattamento dell'accusata".

A poche ore dalla chiusura della seduta, alle 18, la Tymoshenko è stata trasportata dalla Colonia Penale femminile Kachanivs'kyj di Kharkiv all'ospedale dei ferrovieri poco distante. Secondo quanto riportato dall'autorevole Ukrajins'ka Pravda, l'operazione ha avuto le medesime modalità di un'incursione delle forze speciali di polizia: con gli operatori del servizio sanitario trattenuti sul posto di lavoro per cause di forza maggiore fino alla fine delle operazioni di trasferimento.

A rendere possibile il trasporto della Tymoshenko in ospedale sarebbe stato il suo assenso dato in seguito al parere favorevole espresso dall'équipe di medici tedeschi che nei giorni scorsi hanno visitato le strutture mediche in cui la Leader dell'Opposizione Democratica è stata trasferita per curare l'infiammazione respiratoria e l'ernia al disco di cui è affetta.

Julija Tymoshenko è stata sottoposta a un primo arresto l'11 Ottobre 2011 per avere firmato durante la conduzione del suo ultimo governo, nel Gennaio 2009, accordi energetici ritenuti svantaggiosi per le casse statali, ma che hanno consentito all'Ucraina e all'Europa di superare il taglio delle forniture di gas che la Russia ha operato per destabilizzare il campo arancione allora al potere a Kyiv.

Fin dai primi giorni passati in carcere - la Leader dell'Opposizione Democratica è stata arrestata il 5 Agosto 2011: prima della formulazione del verdetto - la Tymoshenko ha lamentato un forte mal di schiena che dopo essere trascurato dalle Autorità Carcerarie per diversi mesi si è rivelato essere un'ernia al disco solo in seguito alla visita che un pool di medici tedeschi e canadesi ha potuto operare nel mese di Febbraio.

In molti tra gli esperti hanno evidenziato come anche il secondo processo iniziato a carico della Tymoshenko nasconda la precisa volontà politica da parte dell'Amministrazione presidenziale di Viktor Janukovych di eliminare una carismatica concorrente politica.

Matteo Cazzulani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Prove di coalizione, ma il Rosatellum è funzionale ad un futuro Governo Renzi-Berlusconi

di Paolo Bodini. Mentre le varie forze politiche si sentono già in campagna elettorale ed entro il mese di dicembre stringono i tempi per gli apparentamenti ( più che per vere e proprie coalizioni); mentre la temperatura sale e le polemiche si fanno più aggressive su tutti i media, il cittadino elettore è indotto a pensare che nel tripolarismo italiano i tre poli - Forza Italia con Salvini e Meloni, PD di Renzi con i suoi nuovi "cespugli", Movimento 5 Stelle - siano davvero alternativi tra di loro. Purtroppo non è così. Ad affossare la logica dell'alternanza viene in aiuto la nuova Legge elettorale, il Rosatellum, fatto passare in Parlamento a colpi di fiducia. Il Rosatellum è predisposto in modo da favorire, se non rendere inevitabile, l'accordo di Governo tra Renzi e Berlusconi. Ecco perchè. continua>>
Altro…