Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo ONDA DEMOCRATICA TESTIMONIA LE PERCOSSE ALLA TYMOSHENKO: VIA DALL'UCRAINA L'AUTRICE DELLE FOTO

TESTIMONIA LE PERCOSSE ALLA TYMOSHENKO: VIA DALL'UCRAINA L'AUTRICE DELLE FOTO

Come riportato dall'autorevole Ukrajins'ka Pravda, l'ex-Incaricata Parlamentare per i Diritti Umani, Nina Karpachova, è fuggita dal Paese dopo l'apertura di un'inchiesta sul suo conto per la diffusione delle prove dei lividi sul corpo della Leader dell'Opposizione Democratica. La Procuratura Generale contrattacca la fuggitiva
TESTIMONIA LE PERCOSSE ALLA TYMOSHENKO: VIA DALL'UCRAINA L'AUTRICE DELLE FOTO

Una delle foto delle ferite riportate dalla Leader dell'Opposizione Democratica ucraina, Julija Tymoshenko, scattate dalla Karpachova

Lontano dal proprio Paese dopo gli scatti che hanno turbato la Comunità Internazionale. Questo è quanto accaduto all'ex-Incaricata Parlamentare per i Diritti Umani ucraina, Nina Karpachova: fuggita a Mosca dopo che la Procuratura Generale ha aperto sul suo conto un'inchiesta.

Venerdì ,18 Maggio, l'autorevole Ukrajins'ka Pravda ha illustrato come la Karpachova sia finita nel mirino della magistratura ucraina per le fotografie realizzate durante l'ultimo suo giorno da Incaricata Parlamentare per i Diritti Umani, mercoledì 25 Aprile, che testimoniano le percosse al ventre e alle braccia subite dalla Leader dell'Opposizione Democratica, Julija Tymoshenko.

A supporto delle rivelazioni della Ukrajins'ka Pravda, il Parlamentare di Bat'kivshchyna - il Partito di Julija Tymoshenko - Andrij Kozhem'jakin ha dichiarato all'autorevole agenzia Liga che la Karpachova è stata costretta a lasciare l'Ucraina in seguito all'apertura sul suo conto di un procedimento giudiziario, mentre il suo collega di Partito, Serhij Sobol'jev, si è appellato al Consiglio d'Europa per risolvere la situazione.

Ulteriori dettagli alla notizia sono stati forniti dall'altrettanto autorevole agenzia PAP, che ha evidenziato come la Capitale della Federazione Russa sia stata per la Karpachova l'ultima scelta. Infatti, ella si è rivolta dapprima a diverse ambasciate dei Paesi dell'Unione Europea in stanza a Kyiv per ottenere lo status di rifugiato politico.

Dal canto suo, la Procuratura Generale ha negato l'apertura di un procedimento giudiziario e l'organizzazione di una campagna repressiva nei confronti della Karpachova. Al contrario, la magistratura ucraina ha accusato l'ex-Incaricata Parlamentare per i Diritti Umani di avere gonfiato la notizia della sua partenza dal Paese e della persecuzione in atto nei suoi confronti.

Lecito ricordare che le fotografie scattate dalla Karpachova hanno fatto il giro del Mondo in poche ore, ed hanno comportato una forte protesta della Comunità Internazionale verso il Presidente ucraino, Viktor Janukovych: ritenuto il responsabile politico dell'arresto della Tymoshenko e di un'altra decina di esponenti dell'Opposizione Democratica.

Dinnanzi alle prove delle percosse subite dalla Tymoshenko la notte dello scorso venerdì, 20 Aprile, il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha invitato i suoi colleghi UE a boicottare le partite dei campionati europei di calcio in programma in Ucraina, mentre i Presidenti di Repubblica Ceca, Austria, Ungheria, Bosnia Erzegovina, Croazia, Montenegro, e Albania hanno disertato il vertice dell'Europa Centrale di Jalta, e costretto Janukovych alla sua cancellazione.

Dalla salita al potere dell'attuale Presidente, in Ucraina sono più di una decina gli esponenti di spicco del Campo Arancione arrestati, processati, e perseguitati. Tra essi, oltre alla Tymoshenko, l'ex-Ministro degli Interni, Jurij Lucenko, l'ex-Vice-Ministro della Difesa, Valerij Ivashchenko, l'ex-Vice-Ministro all'Ambiente, Heorhij Filipchuk.

L'ex-Ministro dell'Economia, Bohdan Danylyshyn, e il marito della Leader dell'Opposizione Democratica, Oleksandr Tymoshenko, hanno ottenuto Asilo Politico in Repubblica Ceca

Matteo Cazzulani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Prove di coalizione, ma il Rosatellum è funzionale ad un futuro Governo Renzi-Berlusconi

di Paolo Bodini. Mentre le varie forze politiche si sentono già in campagna elettorale ed entro il mese di dicembre stringono i tempi per gli apparentamenti ( più che per vere e proprie coalizioni); mentre la temperatura sale e le polemiche si fanno più aggressive su tutti i media, il cittadino elettore è indotto a pensare che nel tripolarismo italiano i tre poli - Forza Italia con Salvini e Meloni, PD di Renzi con i suoi nuovi "cespugli", Movimento 5 Stelle - siano davvero alternativi tra di loro. Purtroppo non è così. Ad affossare la logica dell'alternanza viene in aiuto la nuova Legge elettorale, il Rosatellum, fatto passare in Parlamento a colpi di fiducia. Il Rosatellum è predisposto in modo da favorire, se non rendere inevitabile, l'accordo di Governo tra Renzi e Berlusconi. Ecco perchè. continua>>
Altro…