Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo MEDITERRANEO Medio Oriente Dopo Mosul in Iraq, liberata Raqqa in Siria. Ma la pace è ancora lontana.

Dopo Mosul in Iraq, liberata Raqqa in Siria. Ma la pace è ancora lontana.

17 ottobre. Le truppe curdo-arabe del Sdf, Syrian democratic forces, hanno liberato Raqqa, la capitale siriana dello Stato islamico dopo che il 9 luglio era stata conquistata dalle truppe irachene da sud e dai peshmerga curdi da nord la seconda città dell'Iraq, Mosul dove per tre anni ha predicato e governato Al Bagdadi, l'autonominato califfo dello Stato Islamico. Ma la pace in tutta l'area è ancora lontana. Anche se hanno perso 2/3 del territorio, i jihadisti superstiti si sono ritirati nelle zone desertiche e tentano di riorganizzarsi. In Iraq il Kurdistan iracheno ha indetto e votato un referendum per la propria indipendenza scatenando le ire di Turchia e Iran e ritrovandosi contro il governo di Bagdad che ha inviato il proprio esercito a strappargli con la forza Kirkuk. Nella Siria, tuttora frammentata, Al Assad ha riconquistato posizioni e potere grazie al sostegno di Putin, ma al confine con la Turchia c'è un'area direttamente sotto controllo dell'esercito turco e un'altra area, il Rojava, ormai autogovernata dai curdi siriani che non hanno alcuna intenzione di ritornare sotto il regime di Al Assad. Questi ultimi sono stati i veri protagonisti della liberazione di Raqqa. Le guerrigliere curde dell'YPJ , donne combattenti dell'Unità di protezione del popolo, ramo femminile del YPG, hanno inscenato in Piazza Naim a Raqqa una sfilata inneggiando ad Abdullah Ocalan, detenuto in Turchia nell'isola di Imrali da 17 anni, leader del PKK, braccio politico e militare dei curdi che vivono nel Sud Est turco.
Dopo Mosul in Iraq, liberata Raqqa in Siria. Ma la pace è ancora lontana.

A Raqqa le donne combattenti curde inneggiano ad Ocalan

Raqqa era la capitale del gruppo Stato islamico (Is) in Siria, come Mosul lo era stata in Iraq, e da lì gli assassini jihadisti organizzavano i loro attentati in tutto il mondo, a cominciare dall’Europa. Il 17 ottobre è arrivata finalmente la liberazione di Raqqa, città martoriata dagli estremisti islamici che l’avevano conquistata tre anni fa. È una grande notizia, ma cosa succederà in futuro?

La guerra in Siria, tanto per cominciare, non è finita, perché contrariamente a quello che vorrebbero farci credere Bashar al Assad e i suoi alleati russi e iraniani, il conflitto non era tra l’Is e il regime di Damasco. Nata dalle manifestazioni democratiche organizzate in Siria come nel resto del mondo arabo nel 2011, questa guerra oppone la maggioranza sunnita della popolazione alla dittatura del clan Assad, appartenente alla minoranza alauita, ramo dello sciismo.

Temendo di perdere la partita, il clan Assad aveva fatto liberare nell’autunno del 2011 i più esaltati islamisti siriani affinché facessero concorrenza all’insurrezione democratica, spingendo il mondo ad appoggiare il regime di Damasco per paura del jihadismo. A quel punto abbiamo assistito a una fusione tra gli estremisti siriani e gli ex ufficiali dell’esercito iracheno di Saddam Hussein, che al di là di qualsiasi rivendicazione religiosa volevano fondare un nuovo stato sunnita a cavallo tra l’Iraq e la Siria. Questa alleanza ha rafforzato l’Is sia in Iraq sia in Siria. Ma chi ha davvero combattuto i terroristi?

L’uscita di scena dello Stato Islamico non risolve i conflitti in atto
Prima di tutto i ribelli siriani, che avevano cacciato l’Is da Aleppo prima di essere schiacciati dall’aviazione russa. Poi le milizie curde, che hanno riconquistato Mosul. E infine le Forze democratiche siriane, un’alleanza formata da curdi e democratici siriani appoggiata dall’aviazione della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

Non è stato il regime di Damasco a liberare Raqqa, ma le forze che lo combattano. Per questo l’uscita di scena dell’Is, pur essenziale e da accogliere con gioia, non risolve niente. Cinque milioni di siriani, spesso più istruiti rispetto alla media, sono scappati da un paese che ormai è quasi totalmente distrutto. La spaccatura tra il paese legale e il paese reale è più profonda che mai. I curdi siriani non vogliono tornare sotto la tutela di Damasco, tanto quanto i curdi iracheni vogliono sfuggire al controllo di Baghdad.

In Iraq come in Siria, le frontiere tracciate dalle potenze coloniali all’inizio del novecento sono state distrutte, e sulle loro macerie oggi si affrontano le due religioni dell’islam, sciismo e sunnismo, con i rispettivi paladini, Iran e Arabia Saudita. Con gli Stati Uniti sempre più assenti e l’Europa ancora inesistente, non possiamo certo aspettarci che il Medio Oriente trovi pace in tempi brevi.

Articolo di Bernard Guetta- France Inter- tradotto da Andrea Sparacino e pubblicato dalla rivista " Internazionale"

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Referendum Lombardia tra crisi dello Stato e derive centrifughe, tra muscoli e furbizie politiche

di Marco Pezzoni. Domenica 22 ottobre 7 milioni e 700 mila lombardi verranno chiamati ad un Referendum consultivo e senza quorum per pronunciarsi sulla richiesta di maggior autonomia della Lombardia. Nella stessa giornata si tiene in Veneto un Referendum simile, però con quorum, cosa che dimostra la maggior sicurezza del gruppo dirigente leghista in quella regione. In Lombardia si voterà con voto elettronico e ogni seggio elettorale sarà dotato di tablet. Metodo di voto nuovo che è servito a distrarre dal significato e dalla portata di questo referendum. Ad esempio che nelle intenzioni dei promotori non c'è alcuna volontà di tenere in seria considerazione lo spirito dell'articolo 75 della Costituzione italiana là dove recita "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio", visto che il cuore della propaganda dei due Governatori leghisti Maroni e Zaia è il differenziale fiscale tra quanto Lombardia e Veneto "regalano" allo Stato e alle regioni del Sud e quanto ricevono. Il centrodestra in Lombardia e in Veneto dimostra comunque di avere una strategia politica e propagandistica se non altro pensata e concordata, chiaramente strumentale ma efficace. Invece il PD, dopo la sconfitta del 4 dicembre sul referendum costituzionale, si mostra incerto e confuso sia nella strategia che nella tattica. Il suo segretario Matteo Renzi è in giro col suo "tour in treno", totalmente assente dalla partita che si gioca nel Nord italia. continua>>
Altro…