Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo MEDITERRANEO La strategia dello Stato Islamico: lo scontro di civiltà

La strategia dello Stato Islamico: lo scontro di civiltà

La rivista di geopolitica Limes è da anni impegnata a capire il fenomeno dell'Isis che ha sorpreso tante diplomazie occidentali nel suo rapido affermarsi in Iraq e in Siria come Stato Islamico. Non c'è dubbio che questo sia dovuto principalmente alla destrutturazione del territorio siriano in seguito alle rivolte del 2011 che hanno messo sotto accusa il regime di Al Assad senza riuscire a rovesciarlo; così come lo scontro in Iraq tra la maggioranza sciita, oggi al potere, e la minoranza sunnita ha favorito la conquista di Mosul da parte dell'Isis. Nell'articolo che segue Limes ci avverte di un altro rischio che lo Stato islamico intende alimentare contro l'Occidente: quello di spingerci nella trappola dello scontro di civiltà così da giustificare la propria esistenza e rafforzare la capacità di attrazione e arruolamento verso le seconde e terze generazioni di musulmani nel mondo.
La strategia dello Stato Islamico: lo scontro di civiltà

Attacchi Stati Islamico nel mondo

Il nodo scorsoio offertoci dai jihadisti ha un nome: guerra al terrorismo. Di più: «guerra all’islamismo radicale» secondo il presidente della Repubblica Francese François Hollande, o addirittura al «salafismo», come specifica il suo primo ministro Manuel Valls, evocando gli epigoni del movimento riformista musulmano che nell’Ottocento predicava il «ritorno agli antenati»1. Dopo le stragi del 13 novembre, perpetrate nel cuore di Parigi da un manipolo di terroristi francesi e belgi di origine araba più o meno collegati allo Stato Islamico (Is), la Francia sembra aver vestito la divisa della guerra di religione. E con essa parte dell’Occidente, a cominciare dal vicino Belgio, base logistica dei jihadisti che hanno massacrato 130 innocenti nei caffè e nei teatri della Ville Lumière.

«Terrorismo» è termine inflazionato. Marchio con cui bollare il nemico, non categoria euristica. Eppure mai come oggi, quando l’emozione e la rabbia minacciano di prendere il sopravvento sulla ragione, è opportuno ricordare a noi stessi che il terrorismo è una tecnica di combattimento. Non una specialità islamica o di qualunque altro credo, visto che a usarla lungo l’intero corso della storia umana sono stati i soggetti più diversi, noi europei non esclusi. Per capirne il senso non serve compulsare il Corano. Meglio riprendere in mano i nostri classici. Ripartendo dalla definizione clausewitziana della guerra come «atto di forza che ha per iscopo di costringere l’avversario a sottomettersi alla nostra volontà». Dunque a fare ciò che noi vogliamo faccia. Non occorre disporre di particolari doti decrittatorie per stabilire che il primo obiettivo di coloro che hanno colpito a Parigi, come prima a New York e a Washington, a Londra e a Madrid, è quello di spingere l’Occidente alla crociata, vero nome della guerra al terrorismo. Così legittimando se stessi nelle proprie comunità e regioni di origine – lì dove giocano le decisive partite di potere – come guerrieri di Dio, avanguardie del riscatto di un mondo umiliato, frustrato ed esposto al diabolico fascino della modernita…

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Referendum Lombardia tra crisi dello Stato e derive centrifughe, tra muscoli e furbizie politiche

di Marco Pezzoni. Domenica 22 ottobre 7 milioni e 700 mila lombardi verranno chiamati ad un Referendum consultivo e senza quorum per pronunciarsi sulla richiesta di maggior autonomia della Lombardia. Nella stessa giornata si tiene in Veneto un Referendum simile, però con quorum, cosa che dimostra la maggior sicurezza del gruppo dirigente leghista in quella regione. In Lombardia si voterà con voto elettronico e ogni seggio elettorale sarà dotato di tablet. Metodo di voto nuovo che è servito a distrarre dal significato e dalla portata di questo referendum. Ad esempio che nelle intenzioni dei promotori non c'è alcuna volontà di tenere in seria considerazione lo spirito dell'articolo 75 della Costituzione italiana là dove recita "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio", visto che il cuore della propaganda dei due Governatori leghisti Maroni e Zaia è il differenziale fiscale tra quanto Lombardia e Veneto "regalano" allo Stato e alle regioni del Sud e quanto ricevono. Il centrodestra in Lombardia e in Veneto dimostra comunque di avere una strategia politica e propagandistica se non altro pensata e concordata, chiaramente strumentale ma efficace. Invece il PD, dopo la sconfitta del 4 dicembre sul referendum costituzionale, si mostra incerto e confuso sia nella strategia che nella tattica. Il suo segretario Matteo Renzi è in giro col suo "tour in treno", totalmente assente dalla partita che si gioca nel Nord italia. continua>>
Altro…