Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo INTERNAZIONALE Al Consiglio supremo di difesa Mattarella autorizza l'intervento militare italiano in Libia

Al Consiglio supremo di difesa Mattarella autorizza l'intervento militare italiano in Libia

di Marco Pezzoni. 25 febbraio 2016. E' un passo importante e formale quello compiuto dal Consiglio supremo di difesa riunito dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L'Italia si prepara a intervenire militarmente in Libia nell'ambito di una missione di supporto richiesta dalle autorità libiche. L'Italia non sarà la sola in Europa, visto che Francia e Gran Bretagna sono già operative da settimane. La sollecitazione viene soprattutto dagli Stati Uniti e dal presidente Obama che della necessità dell'intervento militare aveva già parlato un mese fa con lo stesso Mattarella, suo ospite alla Casa Bianca. Adesso si attende che il Parlamento di Tobruk voti la nuova composizione del Governo di unità nazionale avanzata da Fayez al-Sarraj: passaggio indispensabile per dare legittimità alla successiva richiesta che il Governo Libico dovrebbe rivolgere all'ONU di aiuto internazionale contro lo Stato Islamico.
Al Consiglio supremo di difesa Mattarella autorizza l'intervento militare italiano in Libia

Mattarella presiede il Consiglio di difesa

Al Consiglio supremo di difesa, presieduto da Sergio Mattarella, erano presenti il presidente del Consiglio Renzi e i Ministri degli Esteri, della Difesa, dell'Interno, del'Economia, delle Attività produttive, oltre al capo di Stato Maggiore delle forze armate italiane Claudio Graziano. La linea seguita è stata quella di puntare ancora al successo della strategia politica pensata in questi mesi in ambito Onu con l'inviato speciale Martin Kobler e rafforzata da un supporto militare elaborato soprattutto da Brett McGurk, consigliere di Obama.

Per il momento l'Italia punta ancora sull'unificazione delle varie fazioni libiche in chiave anti-IS, lasciando ad altri la predisposizione di un eventuale Piano B che, in caso di fallimento del Governo di unità nazionale, potrebbe prevedere la tripartizione della Libia in 3 aree: Tripolitania, Cirenaica, Fezzan.

La preoccupazione del Consiglio supremo si è concentrata sugli interessi italiani non solo sul piano geopolitico della sicurezza e della lotta al terrorismo, ma anche su quello economico e dell'approvvigionamento energetico.

I recenti attentati dei miliziani dell'IS che hanno fatto saltare due importanti pozzi petroliferi tendono non solo a impedire la ripresa dell'economia libica ma anche a colpire le compagnie europee che li utilizzano.

Altra preoccupazione emersa, quella del ritardo dell'Italia a porsi al fianco della coalizione politico-militare che si va formando per realizzare l'operazione in Libia, forse pregiudicando l'ambizione più volta espressa di essere posti alla guida della stessa coalizione internazionale. Per questo si è già dato il via libera agli Stati Uniti per l'utilizzo dei droni, non solo da ricognizione, con base di partenza a Sigonella. Per questo   sono autorizzati interventi affidati a corpi militari speciali. Operazioni riservate condotte grazie alla legge approvata lo scorso novembre dal Parlamento che consente ai gruppi d’élite di entrare in azione «seguendo la catena di comando dei servizi segreti».

Non solo, in forza delle ultime norme, lo stesso decreto che ogni anno finanza e fornisce copertura giuridica alle missioni all'estero può essere ormai approvato con una semplice informativa del Governo alle commissioni Esteri e Difesa, senza più l'obbligo di passare per il voto dell' assemblea delle Camere.

Cosa può mettere in campo l'Italia? Le navi già in attività di perlustrazione del Mediterraneo, un aereo cisterna, i Tornado di stanza a Trapani, due sommergibili, le basi militari del Sud, non solo l'areoporto di Sigonella, ma anche Pantelleria dove da tempo sono insediati numerosi militari statunitensi.

Tra i 3.000 militari italiani che potrebbero essere impiegati a protezione di ospedali, scuole, impianti energetici ed oleodotti, un posto a parte hanno gli specialisti del Comsubin e del Col Moschin, come i parà della Folgore: potranno agire grazie alle stesse «garanzie funzionali» degli 007 che la legge ha concesso loro con il provvedimento varato a larga maggioranza proprio in previsione di un possibile impegno in Libia.

Per combattere l' IS in Libia, al momento gli Stati Maggiori di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e Italia sembrano escludere la necessità di 150.000 uomini sul campo, puntano sulla specializzazione delle forze, sulla propria superiore tacnologia area e navale, sulla preparazione e addestramento degli stessi libici.

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Referendum Lombardia tra crisi dello Stato e derive centrifughe, tra muscoli e furbizie politiche

di Marco Pezzoni. Domenica 22 ottobre 7 milioni e 700 mila lombardi verranno chiamati ad un Referendum consultivo e senza quorum per pronunciarsi sulla richiesta di maggior autonomia della Lombardia. Nella stessa giornata si tiene in Veneto un Referendum simile, però con quorum, cosa che dimostra la maggior sicurezza del gruppo dirigente leghista in quella regione. In Lombardia si voterà con voto elettronico e ogni seggio elettorale sarà dotato di tablet. Metodo di voto nuovo che è servito a distrarre dal significato e dalla portata di questo referendum. Ad esempio che nelle intenzioni dei promotori non c'è alcuna volontà di tenere in seria considerazione lo spirito dell'articolo 75 della Costituzione italiana là dove recita "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio", visto che il cuore della propaganda dei due Governatori leghisti Maroni e Zaia è il differenziale fiscale tra quanto Lombardia e Veneto "regalano" allo Stato e alle regioni del Sud e quanto ricevono. Il centrodestra in Lombardia e in Veneto dimostra comunque di avere una strategia politica e propagandistica se non altro pensata e concordata, chiaramente strumentale ma efficace. Invece il PD, dopo la sconfitta del 4 dicembre sul referendum costituzionale, si mostra incerto e confuso sia nella strategia che nella tattica. Il suo segretario Matteo Renzi è in giro col suo "tour in treno", totalmente assente dalla partita che si gioca nel Nord italia. continua>>
Altro…