Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EUROPA

EUROPA

EUROPA, LA PRIMA PAROLA CHIAVE DI RENZI: DALL'EURO AGLI STATI UNITI PASSANDO PER LA COSTITUENTE EUROPEA

EUROPA, LA PRIMA PAROLA CHIAVE DI RENZI: DALL'EURO AGLI STATI UNITI PASSANDO PER LA COSTITUENTE EUROPEA

di GIULIANO GASPAROTTI, FERDINANDO GIOFFRE' e GUIDO FERRADINI - da Linkiesta.it del 14/IX/2012

Leggi il resto

YULIA TYMOSHENKO SENZA CONTATTI CON POLITICI E STAMPA DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE

YULIA TYMOSHENKO SENZA CONTATTI CON POLITICI E STAMPA DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE

La Leader dell'Opposizione Democratica ucraina impossibilitata ad incontrare esponenti di spicco dell'Unione Europea e giornalisti di testate nazionali ed internazionali a causa di un ordine delle Autorità Carcerarie. Peggiora la situazione della libertà di stampa in Ucraina, con il divieto di trasmettere all'estero imposto al canale indipendente TVi

Leggi il resto

YANUKOVYCH COME PUTIN: GIORNALISTI AGGREDITI DURANTE UN EVENTO PUBBLICO

YANUKOVYCH COME PUTIN: GIORNALISTI AGGREDITI DURANTE UN EVENTO PUBBLICO

L'episodio, che ha coinvolto tra gli altri la Direttrice dell'Ukrayinska Pravda, Olena Prytula, ha avuto luogo nel corso del discorso di apertura del Congresso Mondiale della Carta Stampata. Gli organizzatori paragonano il Presidente ucraino al suo collega russo, Vladimir Putin

Leggi il resto

IMU. Riconoscere le case degli italiani all’estero come “Prima Casa

IMU. Riconoscere le case degli italiani all’estero come “Prima Casa

IMU. Riconoscere le case degli italiani all’estero come “Prima Casa” Care democratiche, cari democratici, il Comites di Zurigo ha lanciato una petizione perché le abitazioni dei connazionali residenti all'estero, non allocate, vengano riconosciute come "prime case".

Leggi il resto

VERTICE UE: L'EUROPA CENTRALE RICHIEDE COESIONE

VERTICE UE: L'EUROPA CENTRALE RICHIEDE COESIONE

I Primi Ministri del Gruppo di Vysehrad - Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia - adottano a Praga una posizione comune per contrastare l'emarginazione dei Paesi non-Euro dai processi decisionali UE, supportata da Germania e Francia nel concomitante vertice di Roma. Alleanza anche per il rafforzamento delle strutture difensive e per il sostegno alla politica energetica della Commissione Europea

Leggi il resto

L'UNIONE EUROPEA CRITICA L'AUTOCRAZIA IN UCRAINA: IL PARTITO DI JANUKOVYCH ABBANDONA I LAVORI

L'UNIONE EUROPEA CRITICA L'AUTOCRAZIA IN UCRAINA: IL PARTITO DI JANUKOVYCH ABBANDONA I LAVORI

La Commissione interparlamentare UE-Ucraina approva una risoluzione che invita Kyiv all'approvazione delle riforme, e critica le autorità ucraine per l'uso della magistratura per finalità politiche. L'appello del Commissario all'Integrazione e all'Allargamento Stefan Fule a mantenere attivo il vettore europeo

Leggi il resto

LA GRAN BRETAGNA BOICOTTA EURO 2012

LA GRAN BRETAGNA BOICOTTA EURO 2012

Il Governo britannico comunica l'assenza di ogni suo esponente alle partite del campionato europeo di calcio che si svolgeranno negli stati ucraini per protestare contro la detenzione della Leader dell'Opposizione Democratica, Julija Tymoshenko. In forse anche la presenza del Cancelliere tedesco, Angela Merkel

Leggi il resto

IL PRESIDENTE JANUKOVYCH IN UCRAINA SOSTIENE IL RUSSO COME LINGUA DI STATO

IL PRESIDENTE JANUKOVYCH IN UCRAINA SOSTIENE IL RUSSO COME LINGUA DI STATO

La maggioranza del Parlamento ucraino approva un provvedimento che rende la lingua di Pushkin ufficiale in metà del Paese. Protesta l'Opposizione Democratica per la messa in pericolo dell'unità dello Stato, mentre la polizia reprime le dimostrazioni dei manifestanti presso il Parlamento con l'uso di gas lacrimogeni.

Leggi il resto

EURO 2012: LA POLONIA CRITICA L'UCRAINA ALLA VIGILIA DEL CAMPIONATO DI CALCIO

EURO 2012: LA POLONIA CRITICA L'UCRAINA ALLA VIGILIA DEL CAMPIONATO DI CALCIO

Il Presidente polacco, Bronislaw Komorowski, riceve il Capo in pectore dell'Opposizione Democratica ucraina, Arsenij Jacenjuk. Secondo i commentatori, l'evento è un chiaro segnale di protesta inviato da Varsavia nei confronti del Presidente ucraino, Viktor Janukovych, in seguito all'arresto dell'eroina della Rivoluzione Arancione, Julija Tymoshenko, e di un'altra decina di dissidenti politici

Leggi il resto

Slovacchia:Banche e imprese regolamentate chiamate a chiudere i buchi del bilancio dello Stato

Slovacchia:Banche e imprese regolamentate chiamate a chiudere i buchi del bilancio dello Stato

Nel tentativo di tappare più buchi possibili nel bilancio dello Stato, quest’anno e il prossimo le banche e le imprese regolamentate saranno chiamate a sostenere le entrate statali

Leggi il resto

LA RUSSIA RISPONDE CON I MISSILI NUCLEARI ALLO SCUDO SPAZIALE DELLA NATO

LA RUSSIA RISPONDE CON I MISSILI NUCLEARI ALLO SCUDO SPAZIALE DELLA NATO

Mosca inizia la dislocazione sul suo territorio di intercettori dotati di testate atomiche in risposta alla decisione dell'Alleanza Atlantica di avviare l'installazione sistema di difesa antimissilistico in Europa Centrale. La polemica polacco-lituana mette la sicurezza dell'Occidente a serio repentaglio.

Leggi il resto

POLONIA: APPROVATA LA RIFORMA DELLE PENSIONI

POLONIA: APPROVATA LA RIFORMA DELLE PENSIONI

La maggioranza liberal-contadina, con l'appoggio dei radicali, vota a favore del prolungamento dell'età previdenziale a 67 anni per uomini e donne e della riformulazione dei requisiti per i militari e le forze dell'ordine. Proteste da parte delle opposizioni conservatrice e socialdemocratica, e del sindacato autonomo Solidarnosc.

Leggi il resto

PUTIN SI INSEDIA: LA RUSSIA E' SEMPRE LA STESSA

PUTIN SI INSEDIA: LA RUSSIA E' SEMPRE LA STESSA

In una cerimonia dallo stile imperiale, il Presidente russo si insedia con la promessa di accrescere il ruolo di Mosca nella politica mondiale. Represse le manifestazioni delle opposizioni con circa 600 arresti e la detenzione dei Leader del dissenso.

Leggi il resto

CASO TYMOSHENKO E POLITICA ENERGETICA UE: DALL'EUROPA CENTRALE IMPORTANTI DECISIONI

CASO TYMOSHENKO E POLITICA ENERGETICA UE: DALL'EUROPA CENTRALE IMPORTANTI DECISIONI

Il quartetto di Vysehrad - Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia - contrario al boicottaggio del campionato europeo di calcio in Ucraina, ma esprime una forte condanna in merito alle repressioni politiche in atto a Kyiv, ed assume una posizione comune a favore del ritiro delle truppe NATO dall'Afghanistan. La Romania blocca la ricerca di gas shale, e infligge un duro colpo alla politica energetica dell'Unione Europea

Leggi il resto

Slovacchia.Fondi UE per l'occupazione giovanile

Slovacchia.Fondi UE per l'occupazione giovanile

La ricollocazione dei fondi UE per l’occupazione giovanile in arrivo entro l’estate La riallocazione di una somma dai Fondi strutturali europei che può raggiungere i 270 milioni di euro

Leggi il resto

LA RUSSIA RIALZA LA TENSIONE CON L'OCCIDENTE ALLA VIGILIA DELL'INSEDIAMENTO DI PUTIN

LA RUSSIA RIALZA LA TENSIONE CON L'OCCIDENTE ALLA VIGILIA DELL'INSEDIAMENTO DI PUTIN

Le Forze Armate russe minacciano attacchi militari per contrastare la realizzazione del sistema di difesa antimissilistico della NATO nel Vecchio Continente. la prova di forza alla base delle minacce di Mosca.

Leggi il resto

Alain Touraine sostiene l'Europa sociale di Hollande

 Alain Touraine sostiene l'Europa sociale di Hollande

di Marco Pezzoni. Alla vigilia del ballottaggio per le elezioni presidenziali francesi Alain Touraine, sociologo di fama mondiale, scende in campo a sostegno di Hollande perchè può rappresentare una svolta per l'intera Europa. Contro l'egemonia del mercato e lo strapotere della finanza mondiale l'intellettuale francese vede nella politica di Hollande la possibilità di alleare lavoro e democrazia, rigenerare solidarietà in una situazione post-sociale, rilanciare il processo di integrazione europea. In uno dei suoi ultimi libri " La globalizzazione e la fine del sociale" Touraine, descrivendo la fine degli attori sociali a vantaggio dell'individualismo, sosteneva però che le categorie sociali sono state sostituite da quelle culturali e che il ritorno della politica è sempre possibile, sempre che sappia svincolasi dalla subalternità al mercato e sappia affermare nuovi paradigmi. Di seguito la bella intervista a cura di De Giovannangeli.

Leggi il resto

Elezioni del 6 maggio: la Serbia più vicina all'Unione Europea?

Elezioni del 6 maggio: la Serbia più vicina all'Unione Europea?

di Marco Pezzoni. Sette milioni di serbi votano il 6 maggio sia per le amministrative che per rinnovare il Parlamento ed eleggere il nuovo Presidente. A questo voto multiplo hanno contribuito le dimissioni anticipate di Tadic, presidente filo-europeo. Ma Nikolic, suo avversario e probabile sfidante al ballottaggio, si è molto avvicinato all' idea che la collaborazione e il dialogo costruttivo con l'Unione europea siano strade obbligate e utili per affrontare crisi e difficoltà economiche. Irrisolta rimane invece la questione delle enclaves serbe in Kosovo,soprattutto di quelle municipalità che si sono date amministrazioni "parallele" che non riconoscono Pristina. Di seguito un'analisi a cura dell'Osservatorio sui Balcani.

Leggi il resto

1° maggio 2012 in Germania

1° maggio 2012 in Germania

1° maggio 2012 in Germania Contro Patto Fiscale e Pareggio di Bilancio. L’appello del sindacato tedesco DGB Il testo (tradotto in italiano) del sindacato DGB tedesco che chiama alle mobilitazioni per il 1° Maggio: in esso si esplicita al primo punto delle richieste al Governo e alla Confindustria tedeschi lo Stop al Patto Fiscale e al Pareggio di Bilancio

Leggi il resto

Ennesimo taglio dei fondi degli italiani nel mondo.Tocca alla Svizzera.

Ennesimo taglio dei fondi degli italiani nel mondo.Tocca alla Svizzera.

Ennesimo taglio dei fondi degli italiani nel mondo.Tocca alla Svizzera. Assemblea il 5 maggio a Basilea APPELLO AI COMITATI DEI GENITORI E ALLE FAMIGLIE DEGLI ALUNNI DEI CORSI DI LINGUA E CULTURA ITALIANA NELLA CIRCOSCRIZIONE SVIZZERA

Leggi il resto

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

La nostra Europa: unita, democratica e solidale o non sarà

di Marco Pezzoni. A sessant'anni dai Trattati di Roma l'Unione Europea ha perso la sua spinta propulsiva, la sua parabola comincia a declinare. Dai 6 Paesi fondatori si è allargata fino a comprenderne 28, per poi cominciare a perdere pezzi con la Brexit e ad arenarsi sul culto dell'austerità in economia. Da “gigante economico e nano politico”, quale è stata definita, con la più recente globalizzazione comincia ad essere messa in discussione anche la sua forza competitiva sui mercati mondiali, la sua capacità di creare lavoro e garantire un modello di welfare universale e inclusivo. Le nuove sfide globali la trovano impreparata e divisa: la finanziarizzazione dell'economia; un disordine internazionale caratterizzato da un multipolarismo anarchico e turbolento che vede emergere nuove potenze mondiali, Cina innanzitutto; Il Medioriente in fiamme; ondate migratorie crescenti. A metà del guado, l'Europa non ha più la volontà di completare la sua rivoluzione democratica costituendosi in Stati Uniti d'Europa. continua>>
Altro…