Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EUROPA Russia La Russia al voto per rinnovare il Parlamento

La Russia al voto per rinnovare il Parlamento

Domenica 18 settembre i cittadini russi sono chiamati a votare per rinnovare la Duma, il loro Parlamento. Anche gli abitanti della Crimea, dopo l'annessione, potranno votare e concorrere alle elezioni della Duma. Mentre i cittadini russi in Ucraina trovano ostacoli burocratici che sconfinano in una sorta di boicottaggio da parte del Governo di Kiev. La carica di Putin non è in gioco in queste elezioni parlamentari, mentre è a rischio quella del primo ministro Medvedev se il partito suo e di Putin non si piazza solidamente al primo posto. Le elezioni parlamentari sono infatti la prova generale delle future elezioni presidenziali e Putin è sempre pronto a far pagare al Governo le difficoltà economiche attuali e il crescente astensionismo.
La Russia al voto per rinnovare il Parlamento

Medvedev e Putin

In piena crisi socio-economica, in Russia si vota domenica 18 settembre per rinnovare la Duma.

Sono 14 i partiti che si contendono un seggio parlamentare, anche se, secondo i sondaggi, i 4 partiti tradizionali restano comunque i favoriti.

L’elezioni, che normalmente si tengono a dicembre, sono state anticipate a settembre, fattore che potrebbe favorire l’astensionismo. Molti cittadini, i pensionati per esempio, sono in vacanza ancora lontani dai centri di residenza e non sembrano intenzionati a fare ritorno solo per votare.
Si registra per queste consultazioni anche una forte disaffezione da parte degli elettori, solo il 9% dice di seguirle.

Gli ultimi sondaggi danno il partito del premier Dimitri Medvedev, Russia Unita, in testa con il 41% dei voti, percentuale in calo negli ultimi 3 mesi e che si tradurrebbe con la perdita della maggioranza assoluta.
Il presidente Putin, che non può prestare la sua immagine al partito, si è mostrato comunque in pubblico con Medvedev e ha rinunciato a recarsi all'annuale assemblea generale dell'ONU .

I comunisti di Gennadij Zjuganov passerebbero da seconda a terza formazione del Paese.
Solo il 7,4% dei russi si dice a favore del Partito comunista della Federazione russa.
La maggior parte sono pensionati, nostalgici. Lo stesso Zjuganov, a 72 anni, invece che prendere la pensione ha deciso di correre per queste elezioni.

A beneficiare della perdita di consensi o astensionismo sono gli ultranazionalisti di Vladimir Zhirinovskij, il Partito liberal- democratico, accreditati del 12% dei voti. Sarebbe il miglior risultato per la formazione dal 1993.

Il leader di Una Russia giusta, Sergey Mironov è sicuro di far parte dei 4 partiti a entrare in Parlamento.
Tutti questi partiti sostengono il presidente Putin, che in effetti si preoccupa poco delle consultazioni dall’esito quasi scontato.

Il sistema elettorale misto potrebbe consentire ai partiti minori di avere qualche parlamentare.

Malgrado il calo di popolarità per il partito al governo, le formazioni minori come Parnas, dell’ex premier Mikhail Kasyanov o Yabloko non arrivano a mobilitare e appassionare gli elettori, che pagano il prezzo più alto della profonda crisi.

Dal 2014, a seguito del conflitto ucraino, sanzioni europee e calo del prezzo di gas e petrolio, la Russia è in recessione .

Crisi non sottovalutata da Putin che sabato scorso ha inaugurato un nuovo treno nella banlieu di Mosca e che può comunque contare sull'appoggio di almeno tre partiti sui quattro che dovrebbero entrare in Parlamento. Ecco perchè l'incertezza riguarda solo chi sarà a capo del nuovo Governo in quanto si dovrà tener conto dei numeri parlamentari usciti dal voto. Un risultato poco brillante può convincere Putin ad  anticipare le presidenziali di un anno, tenendole nel 2017 invece che nel 2018.



Azioni sul documento
Share |
Editoriale

La nostra Europa: unita, democratica e solidale o non sarà

di Marco Pezzoni. A sessant'anni dai Trattati di Roma l'Unione Europea ha perso la sua spinta propulsiva, la sua parabola comincia a declinare. Dai 6 Paesi fondatori si è allargata fino a comprenderne 28, per poi cominciare a perdere pezzi con la Brexit e ad arenarsi sul culto dell'austerità in economia. Da “gigante economico e nano politico”, quale è stata definita, con la più recente globalizzazione comincia ad essere messa in discussione anche la sua forza competitiva sui mercati mondiali, la sua capacità di creare lavoro e garantire un modello di welfare universale e inclusivo. Le nuove sfide globali la trovano impreparata e divisa: la finanziarizzazione dell'economia; un disordine internazionale caratterizzato da un multipolarismo anarchico e turbolento che vede emergere nuove potenze mondiali, Cina innanzitutto; Il Medioriente in fiamme; ondate migratorie crescenti. A metà del guado, l'Europa non ha più la volontà di completare la sua rivoluzione democratica costituendosi in Stati Uniti d'Europa. continua>>
Altro…