Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EUROPA Stati Uniti d'Europa UE. Accordo sui controlli bancari

UE. Accordo sui controlli bancari

I Ministri delle Finanze dell’Unione Europea si sono accordati , dopo tre mesi di negoziati e una lunga maratona notturna, per un primo passo verso un sistema bancario unificato della Zona Euro, assegnando la vigilanza bancaria centralizzata alla Banca centrale europea (BCE), che supervisionerà le banche dei 17 paesi dell’Euro con patrimonio superiore a 30 miliardi (o al 20% del PIL di un singolo Paese), e le banche che sono state sostenute con iniezione di capitali dell’Eurozona nell’ultimo periodo.

Si tratta di un pacchetto di 150-200 banche.
L’operazione prenderà il via dal marzo 2014, con la BCE che avrà il controllo diretto delle grandi banche e sarà in grado di intervenire in qualunque momento sulle banche più piccole, che per il momento rimangono sotto la sorveglianza delle rispettive banche nazionali. Le competenze della Banca centrale europea, che potrà fornire o revocare licenze bancarie e condurre indagini e imporre multe, saranno meglio definite nei prossimi incontri e cominceranno ad essere messe in campo dal luglio di quest’anno. Si tratta del primo passo verso una più profonda integrazione che dovrebbe portare al sostegno dell’euro e ad una Unione bancaria. Le decisioni prese al vertice UE hanno avuto già un immediato effetto sui mercati, con un rafforzamento dell’euro, arrivato a 1,308 rispetto al dollaro statunitense.

Per quanto attiene la Slovacchia, la BCE supervisionerà le banche appartenenti a gruppi multinazionali, come Slovenska Sporitelna, Tatra Banka, VUB, UniCredit Bank e CSOB, ha scritto Sme. Le altre continueranno ad essere sotto la sorveglianza della Banca Nazionale Slovacca (NBS). Il meccanismo di controllo non includerà Volksbank, la cui casa madre – la russa Sberbank – è al di fuori dell’UE.

La Repubblica Ceca ha minacciato al vertice di porre il veto per la temuta perdita di potere della sua Banca nazionale, considerando come anche in quel Paese  ci sono non poche banche direttamente controllate da gruppi bancari dell’area dell’euro.

(La Redazione, Fonte Sme)

13 dicembre 2012

Fonte : http://www.buongiornoslovacchia.sk/index.php/archives/33569
Segnalato da www.welfareeuropa.it

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Referendum Lombardia tra crisi dello Stato e derive centrifughe, tra muscoli e furbizie politiche

di Marco Pezzoni. Domenica 22 ottobre 7 milioni e 700 mila lombardi verranno chiamati ad un Referendum consultivo e senza quorum per pronunciarsi sulla richiesta di maggior autonomia della Lombardia. Nella stessa giornata si tiene in Veneto un Referendum simile, però con quorum, cosa che dimostra la maggior sicurezza del gruppo dirigente leghista in quella regione. In Lombardia si voterà con voto elettronico e ogni seggio elettorale sarà dotato di tablet. Metodo di voto nuovo che è servito a distrarre dal significato e dalla portata di questo referendum. Ad esempio che nelle intenzioni dei promotori non c'è alcuna volontà di tenere in seria considerazione lo spirito dell'articolo 75 della Costituzione italiana là dove recita "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio", visto che il cuore della propaganda dei due Governatori leghisti Maroni e Zaia è il differenziale fiscale tra quanto Lombardia e Veneto "regalano" allo Stato e alle regioni del Sud e quanto ricevono. Il centrodestra in Lombardia e in Veneto dimostra comunque di avere una strategia politica e propagandistica se non altro pensata e concordata, chiaramente strumentale ma efficace. Invece il PD, dopo la sconfitta del 4 dicembre sul referendum costituzionale, si mostra incerto e confuso sia nella strategia che nella tattica. Il suo segretario Matteo Renzi è in giro col suo "tour in treno", totalmente assente dalla partita che si gioca nel Nord italia. continua>>
Altro…