Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EUROPA Europa Orientale FORUM DELLA STRATEGIA EUROPEA DI YALTA: TRA UE ED UCRAINA E' ROTTURA DEFINITIVA

FORUM DELLA STRATEGIA EUROPEA DI YALTA: TRA UE ED UCRAINA E' ROTTURA DEFINITIVA

Il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, aspramente criticato dai rappresentanti dell'Unione Europea e dall'ex-Segretario di Stato USA, Condoleeza Rice, per gli arresti politici dei principali Leader dell'Opposizione Democratica. Perplessità anche da parte dell'ex-Capo di Stato polacco, Aleksander Kwasniewski, finora sempre attento al mantenimento del dialogo con Kyiv
FORUM DELLA STRATEGIA EUROPEA DI YALTA: TRA UE ED UCRAINA E' ROTTURA DEFINITIVA

Il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, assieme al suo collega russo, Vladimir Putin, e al Premier della Russia, Dmitrii Medvedev

Si sarebbe dovuto parlare di economia, invece il tema principale è stato il destino geopolitico di un'Ucraina che appare sempre più lontana dalla comunità Occidentale. Durante i lavori di apertura del prestigioso Vertice della Strategia Europea di Yalta - YES: kermesse internazionale partecipata da centinaia di personaggi di spicco della politica e della finanza mondiale, organizzata dal businessman ucraino Viktor Pinchuk - a tenere banco è stata la forte critica espressa dall'Unione Europea e dagli Stati uniti d'America nei confronti del mancato rispetto dei diritti civili e della democrazia da parte del padrone di casa, il Presidente dell'Ucraina, Viktor Yanukovych.

 

Con una nota, emanata dall'Ambasciata UE di Kyiv, il Ministro degli Esteri svedese, Karl Bildt, il Presidente della Commissione Affari Esteri del Parlamento Europeo, Elmar Brok, e il Commissario UE all'Allargamento e all'Integrazione, Stefan Fule, hanno notato un peggioramento nella situazione ucraina rispetto all'anno precedente, dal quale potrebbe originarsi una rottura totale delle relazioni tra Bruxelles e Kyiv.

 

In particolare, i tre rappresentanti UE hanno contestato l'uso della magistratura per per eliminare dalla competizione elettorale gli avversari più temuti dal Presidente ucraino - come la Leader dell'Opposizione Democratica, Yulia Tymoshenko, e l'ex-Ministro degli Interni, Yuri Lutsenko - ed hanno evidenziato come solo l'organizzazione di Elezioni Parlamentari pienamente regolari possa legittimare il nuovo Parlamento ucraino.

 

"L'attuale situazione impossibilita a due dei Leader dell'Opposizione di prendere parte alle prossime Elezioni Parlamentari - riporta la nota dei tre rappresentati UE - Essi sono stati condannati a seguito di processi nei quali gli standard di correttezza, trasparenza e regolarità non sono stati rispettati".

 

Non di meno è stata la presa di posizione dell'ex-Segretario di Stato USA, Condoleeza Rice, che ha invitato il popolo ucraino ad esercitare pressione sulle sue Autorità per evitare che il Paese sia definitivamente emarginato dalla Comunità Occidentale.

 

Palese è stato anche il comportamento assunto dalla Rice al termine della prima tavola rotonda della kermesse. Finita la discussione, ella è accorsa verso il palco per salutare il Premier turco, Tajip Erdogan, ignorando apertamente il Presidente Yanukovych.

 

"Credo nella forza delle istituzioni democratiche e nella volontà dei popoli - ha dichiarato la Rice - tutto il Mondo guarda al caso Tymoshenko, alla sua detenzione politica, e alle prossime Elezioni Parlamentari con estremo interesse".

 

La presa di posizione dell'UE, che finora ha dichiarato di attendere l'esito della consultazione parlamentare prima di chiudere definitivamente le porte all'Ucraina, sa di vero cartellino rosso per Yanukovych ancor prima del termine delle Elezioni di fine Ottobre.

 

Dunque, sembra essere definitivamente sospesa la firma dell'Accordo di Associazione UE-Ucraina: documento con cui Bruxelles è pronta a concedere a Kyiv lo status di partner privilegiato e ad aprire una Zona di Libero Scambio per integrare l'economia ucraina a quella europea.

 

In seguito all'arresto di Yulia Tymoshenko, il 19 Dicembre 2011 la Commissione Europea ha congelato il varo dell'Accordo, ritenendo le Autorità ucraine non abbastanza mature sul piano del rispetto dei diritti civili e della democrazia per essere ammesse nella Comunità politica del Vecchio Continente.

 

Yanukovych guarda alla Russia e all'Eurasia

 

La preoccupazione dell'Occidente per la condotta antidemocratica di Yanukovych si è letta anche nelle domande poste al Presidente ucraino dal moderatore della tavola rotonda, l'ex-Presidente della Polonia, Aleksander Kwasniewski.

 

Il Capo di Stato polacco Emerito - che ha sempre cercato di mantenere buoni rapporti con l'Ucraina nonostante le palesi violazioni della democrazia sulle Rive del Dnipro - non ha potuto esimersi dal sollevare la questione legata alla detenzione politica di Yulia Tymoshenko, senza, tuttavia, ottenere risposta alcuna da Yanukovych.

 

Il Presidente ucraino, pur riconoscendo lo stallo intercorso nelle relazioni tra l'Unione Europea e l'Ucraina in seguito alle richieste di Bruxelles sul caso Tymoshenko, ha ritenuto che Kyiv si stia avvicinando agli standard europei grazie alle riforme approntate dal Governo da lui instaurato dopo la sua salita al potere, nel Febbraio 2010.

 

Tuttavia, la posizione di Yanukovych si è dimostrata essere ben lontana dall'Europa, e molto più vicina all'Eurasia. Durante il suo discorso, il Presidente ucraino ha espresso la volontà di rafforzare la presenza del suo Paese nei processi di integrazione eurasiatici voluti dalla Russia di Putin per sancire l'egemonia politica di Mosca nello spazio ex-sovietico.

 

Tra le priorità della politica estera ed economica dell'Ucraina, Yanukovych ha contemplato rispettivamente Russia, Cina e India, senza alcuna menzione all'UE. Inoltre, il Capo di Stato ucraino ha dichiarato ufficialmente di ambire all'ottenimento per l'Ucraina dello status di Paese osservatore dell'Unione Eurasiatica - oggi composta da Russia, Bielorussia, Kazakhstan e Kyrgyzstan.

 

Matteo Cazzulani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Prove di coalizione, ma il Rosatellum è funzionale ad un futuro Governo Renzi-Berlusconi

di Paolo Bodini. Mentre le varie forze politiche si sentono già in campagna elettorale ed entro il mese di dicembre stringono i tempi per gli apparentamenti ( più che per vere e proprie coalizioni); mentre la temperatura sale e le polemiche si fanno più aggressive su tutti i media, il cittadino elettore è indotto a pensare che nel tripolarismo italiano i tre poli - Forza Italia con Salvini e Meloni, PD di Renzi con i suoi nuovi "cespugli", Movimento 5 Stelle - siano davvero alternativi tra di loro. Purtroppo non è così. Ad affossare la logica dell'alternanza viene in aiuto la nuova Legge elettorale, il Rosatellum, fatto passare in Parlamento a colpi di fiducia. Il Rosatellum è predisposto in modo da favorire, se non rendere inevitabile, l'accordo di Governo tra Renzi e Berlusconi. Ecco perchè. continua>>
Altro…