Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EUROPA Europa Orientale Auto Fiat taglia 1.500 posti di lavoro in Polonia

Auto Fiat taglia 1.500 posti di lavoro in Polonia

Il Lingotto annuncia esuberi per circa un terzo della forza lavoro complessiva nello stabilimento di Tychy, dove si producono Fiat 500 e Lancia Ypsilon. A giustificare la decisione una situazione di mercato "fortemente negativa"

Un taglio di 1.500 posti di lavoro è stato annunciato da Fiat Auto Poland, la divisione che gestisce le attività del Lingotto in Polonia. Lo riferisce oggi (7 dicembre) l'agenzia Dire. Gli esuberi, pari a circa un terzo della forza lavoro complessiva nello stabilimento di Tychy - dove si producono la Fiat 500, la Lancia Ypsilon e, in accordo con la Ford, la Ka - sono dovuti a una situazione di mercato "fortemente negativa". Per questo - spiega il gruppo - sono state attivate le procedure di licenziamento.
Quest'anno, infatti, "la produzione non raggiungerà le 350 mila vetture rispetto alle oltre 600 mila del 2009 e, per il 2013, in base alle prospettive della domanda di mercato - prosegue la nota - viene stimata una produzione inferiore a 300 mila vetture". Di qui appunto, secondo Fiat Auto Poland, la necessità di modificare l'organizzazione dello stabilimento, "passando da tre a due turni lavorativi". E di "rivedere la struttura commerciale che sarà adattata allo scenario attuale".
"Fiat Auto Poland - si legge in una nota - ha espresso alle organizzazioni sindacali la volontà di iniziare immediatamente una trattativa per trovare soluzioni compatibili per la gestione delle eccedenze". Nel frattempo ha già avviato "la procedura di legge per la riduzione collettiva di personale".

Segnalato da www.welfareeuropa.it

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Prove di coalizione, ma il Rosatellum è funzionale ad un futuro Governo Renzi-Berlusconi

di Paolo Bodini. Mentre le varie forze politiche si sentono già in campagna elettorale ed entro il mese di dicembre stringono i tempi per gli apparentamenti ( più che per vere e proprie coalizioni); mentre la temperatura sale e le polemiche si fanno più aggressive su tutti i media, il cittadino elettore è indotto a pensare che nel tripolarismo italiano i tre poli - Forza Italia con Salvini e Meloni, PD di Renzi con i suoi nuovi "cespugli", Movimento 5 Stelle - siano davvero alternativi tra di loro. Purtroppo non è così. Ad affossare la logica dell'alternanza viene in aiuto la nuova Legge elettorale, il Rosatellum, fatto passare in Parlamento a colpi di fiducia. Il Rosatellum è predisposto in modo da favorire, se non rendere inevitabile, l'accordo di Governo tra Renzi e Berlusconi. Ecco perchè. continua>>
Altro…