Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EUROPA Elezioni in Austria e nella Repubblica Ceca: ancora più difficile l'integrazione politica dell'Europa

Elezioni in Austria e nella Repubblica Ceca: ancora più difficile l'integrazione politica dell'Europa

Le recenti elezioni in Austria segnano una significativa svolta politica: come nella vicina Germania siamo alla fine di un governo di grande coalizione, fin qui diretto dal socialdemocratico Christian Kern che, arrivato secondo con il 27%, passerà all'opposizione. Ma a differenza della Germania la svolta a destra in Austria è molto più forte al punto che il partito erede di Haider può alzare la posta per il suo ingresso nel prossimo governo che sarà probabilmente diretto dal giovanissimo Sebastian Kurz, arrivato primo con il suo partito popolare, dopo averlo spostato a destra nell'immagine pubblica e nei programmi e dopo aver messo in crisi l'accordo di governo con i socialdemocratici. Del resto, come Ministro degli Esteri nel recente Governo, il trentenne Kurz si è caratterizzato per aver contribuito alla chiusura della "rotta balcanica" percorsa dagli immigrati in fuga dalla Siria e per aver cavalcato con spregiudicatezza la questione dei controlli al Brennero . Ancora più forte il terremoto politico alle elezioni nella Repubblica Ceca dove il partito socialdemocratico del primo ministro Bohuslav Sobotka è precipitato al quinto posto con un misero 7,6%, il peggior risultato della sua storia. Ha trionfato il miliardario Andrej Babis, già Ministro delle Finanze, dimissionario per accuse di frode e uso illecito di fondi europei, con il suo nuovo partito populista ANO ( Sì, in lingua ceca). Per governare si alleerà con partiti di destra, xenofobi e antieuropei.
Elezioni in Austria e nella Repubblica Ceca: ancora più difficile l'integrazione politica dell'Europa

Babis e Kurz prossimi Premier

Quello che sta succedendo nel cuore dell'Europa deve richiamare tutti ad una analisi più attenta dei processi in corso e, soprattutto, richiederebbe un cambio di passo strategico dell'Unione Europea.

Le elezioni in Austria non fanno che ampliare l'influenza se non il numero dei Paesi aderenti al Gruppo di Visegrad, composto da Ungheria, Cechia, Slovacchia, Polonia, sempre più caratterizzato da posizioni euroscettiche, nazionaliste e anti-immigrati.

Vedremo come e dove piloterà la Cechia Andrej Babis che, facendo già parte del gruppo di Visegrad, vorrà assumere un suo profilo specifico rispetto all'ungherese Orban, al polacco Kaczynski, allo slovacco socialista-populista Robert Fico.

ANALISI DELLE ELEZIONI LEGISLATIVE DEL 15 OTTOBRE 2017  IN AUSTRIA

I popolari di Sebastian Kurz (Oevp) hanno vinto le elezioni austriache con il 31,6%, secondo le ultime proiezioni, 7 punti in più rispetto alla precedente consultazione. I socialdemocratici del cancelliere Christian Kern scendono al 26,9%, ma restano secondo partito, mentre l'estrema destra (Fpoe) di Heinz Christian Strache, euroscettica e anti-islamica, fa un balzo al 26%, più cinque punti, il miglior risultato dal 1999 quando raggiunse con il carismatico Joerg Haider il 26,9 per cento. In caduta libera al 3,8% i Verdi, che rischiano per la prima volta di non entrare in Parlamento. I Neos vanno al 5,1% e la lista Peter Pilz al 4,4 per cento.

Secondo le proiezioni che tengono conto anche dei 900mila voti postali che verranno conteggiati però solo successivamente a quelli delle urne, si delinea una netta maggioranza del 57,6% per un governo di centrodestra formato dai popolari del giovane leader Sebastian Kurz e i nazionalisti di Heinz Christian Strache, che chiederanno posizioni dure contro Bruxelles in materia di migranti. Sempre possibile sulla carta una riedizione della Grande coalizione tra popolari e socialdemocratici, rifiutata però da entrambi i partiti, mentre la strana alleanza tra l'estrema destra di Strache e i socialdemocratici è al momento solo un "gioco" per alzare la posta delle concessioni di potere da strappare al futuro partner. Vedremo.

Male i Verdi, che pure l'anno scorso avevano avuto un esponente indipendente che si richiamava ai loro valori addirittura eletto alla Presidenza della Repubblica austriaca. In quest elezioni hanno pagato il fatto di essersi divisi in due formazioni.

Il vincitore è Sebastian Kurz, “wunderwuzzi”, il mago bambino, che ha riportato il Partito popolare austriaco dal terzo ad un saldo primo posto. Se Sebastian Kurz diventerà cancelliere sarà il premier più giovane del pianeta a soli 31 anni. Ma niente paragoni con il presidente francese Emmanuel Macron, 39 anni, poiché si tratta di tutta un'altra storia. Macron ha fondato un suo partito partendo da zero, Kurz ha preso in mano il vecchio partito dei democristiani (l'Oevp) trasformandolo in un partito personale e spostandolo decisamente a destra. «Fino a quando non saranno sicure le frontiere dell'Austria dovremo proteggerle», ha ripetuto fino alla nausea Kurz in campagna elettorale Kurz, per erodere voti all'Fpoe di Heinz Christin Strache, l'erede di Joerg Haider.

Dopo aver chiuso la rotta Balcanica nel marzo 2016, il prossimo passo per Kurz dovrebbe essere il blocco della rotta mediterranea, per aiutare i migranti nei Paesi d'origine, anche se dal Mediterraneo non arriva nessun migrante in Austria poiché vengono tutti fermati al Brennero. Assomiglia - dicono i suoi detrattori - a un Orban, il presidente populista ungherese in lotta con Bruxelles, dai modi più moderati, ma la sostanza è il rifiuto delle quote di migranti.

Vienna rischia così di essere un ostacolo ai piani di rilancio dell'integrazione europea prospettati da Macron poiché Kurz si oppone all'istituzione di un ministro delle Finanze dell'eurozona. L'economia invece c'entra poco con l'avanzata dell'estrema destra.

Per i mercati finanziari, il fattore chiave in caso di coalizione tra ÖVP e FPÖ sarebbe probabilmente il fatto che un partito euro-scettico, ossia l'FPÖ, entrerebbe nella stanza dei bottoni. Nel suo programma elettorale, i nazionalisti eredi di Joerg Haider affermano che vogliono invertire la marcia che l'Europa ha adottato in questi ultimi 30 anni da Maastricht in poi.

ANALISI DELLE ELEZIONI PARLAMENTARI DEL 20 e 21 OTTOBRE 2017  NELLA REPUBBLICA CECA

Le elezioni svoltesi in Repubblica Ceca sono particolarmente difficili da leggere dall’estero perché chi sia il populista tra i nuovi diversi partiti non è per nulla ovvio. E nemmeno chi sia chiaramente di destra o di sinistra. L’economia ceca va a gonfie vele. Viaggia sospinta dal vento del suo vicino: l’economia più forte d’Europa, la locomotiva tedesca.

Il settore industriale non è stato smantellato: anzi, ha beneficiato dell’offshoring dalla stessa Germania, grazie all’alta produttività degli operai specializzati cechi e al loro costo contenuto rispetto al vicino occidentale. In Repubblica Ceca si assemblano molte auto di marche europee, anche tedesche e francesi, oltre alla Skoda, nota marca nazionale adesso in mano al gruppo Volkswagen. C’è anche molta industria pesante e qui hanno sede diversi Headquarters per l’Europa Orientale di gruppi internazionali, anche se Praga è più ad ovest di Vienna e le terre ceche fanno parte della Mitteleuropa più che dell’Est. Il lavoro non manca: è il Paese europeo con la disoccupazione più bassa al 3.3%: praticamente c’è piena occupazione. Lo Stato nel 2016 ha avuto un surplus di 61.7 miliardi di corone, circa 2 miliardi di euro, il risultato migliore di sempre. Risultato ottenuto a cambi fissi contro euro. Da allora la Banca Centrale, preoccupata soprattutto dalla salita dei prezzi degli immobili, sta cercando di far salire la valuta per evitare surriscaldamento ed inflazione.

Il ministro delle finanze a fine 2016 era Andrej Babiš, allora al governo con i socialdemocratici e i moderati cristiano democratici. Già questo basta per far capire che chi lo dipinge come un populista stile Trump probabilmente propone un paragone azzardato.

Per i suoi estimatori Andrej Babiš ha già provato di essere un buon ministro e così gli hanno perdonato un arricchimento non sempre trasparente, anzi. E' il secondo uomo più ricco del Paese e si propone di guidare il nuovo Governo con piglio manageriale.

Con il 29,7% dei voti ha sbaragliato gli avversari, ma adesso dovrà cercare una coalizione tra partiti vecchi e nuovi, tutti di destra.  Il secondo piazzato è un partito tradizionale di centrodestra, l'ODOS con l'11,3%.  Al terzo posto c'è un partito di difficile classificazione: il Partito dei Pirati con il 10,8%. Poi al quarto posto un partito chiaramente xenofobo, guidato da un ceco-giapponese, Tomo Okamura, con il 10,7%.

In fondo alla classifica e fuori gioco i partiti del Governo precedente: socialdemocratici e cristiano popolari.

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Referendum Lombardia tra crisi dello Stato e derive centrifughe, tra muscoli e furbizie politiche

di Marco Pezzoni. Domenica 22 ottobre 7 milioni e 700 mila lombardi verranno chiamati ad un Referendum consultivo e senza quorum per pronunciarsi sulla richiesta di maggior autonomia della Lombardia. Nella stessa giornata si tiene in Veneto un Referendum simile, però con quorum, cosa che dimostra la maggior sicurezza del gruppo dirigente leghista in quella regione. In Lombardia si voterà con voto elettronico e ogni seggio elettorale sarà dotato di tablet. Metodo di voto nuovo che è servito a distrarre dal significato e dalla portata di questo referendum. Ad esempio che nelle intenzioni dei promotori non c'è alcuna volontà di tenere in seria considerazione lo spirito dell'articolo 75 della Costituzione italiana là dove recita "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio", visto che il cuore della propaganda dei due Governatori leghisti Maroni e Zaia è il differenziale fiscale tra quanto Lombardia e Veneto "regalano" allo Stato e alle regioni del Sud e quanto ricevono. Il centrodestra in Lombardia e in Veneto dimostra comunque di avere una strategia politica e propagandistica se non altro pensata e concordata, chiaramente strumentale ma efficace. Invece il PD, dopo la sconfitta del 4 dicembre sul referendum costituzionale, si mostra incerto e confuso sia nella strategia che nella tattica. Il suo segretario Matteo Renzi è in giro col suo "tour in treno", totalmente assente dalla partita che si gioca nel Nord italia. continua>>
Altro…