Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EUROPA Cipro, forum europeo dei giovani sullo sport

Cipro, forum europeo dei giovani sullo sport

A CIPRO, L'UISP HA PARTECIPATO AL FORUM EUROPEO DEI GIOVANI SULLO SPORT PER PARLARE DI PARTECIPAZIONE, SALUTE E VOLONTARIATO. Intervista a M. Bellucci

A Larnaca (Cipro), dal 24 novembre al 1 dicembre, ha avuto luogo la settima edizione del Forum Europeo dei Giovani sullo Sport organizzato dall’ISCA – International Sport and Culture Association in collaborazione con ENGSO YOUTH - European Non-Governmental Sports Organisation e KOA – Cyprus Sport Association.

L’ Uisp ha partecipato all’edizione 2012 attraverso l’esperienza di Michele Bellucci, educatore sportivo del comitato Uisp Roma,che durante il Forum ha dato il suo contributo svolgendo il ruolo di facilitator del dialogo tra i partecipanti.

Al Forum hanno partecipato, oltre allo staff organizzativo e ai 10 facilitatori, 78 ragazzi tra i 18 ed i 30 anni provenienti da 28 paesi Europei; partecipazione, salute e volontariato, i principali argomenti affrontati, declinati all’interno della dimensione sportiva. Numerosi speaker internazionali hanno affrontato queste ed altre tematiche sullo sviluppo dello sport all’interno della società, partendo dall’importanza di promuovere lo sport per tutti e arrivando a ciclabilità, integrazione, progettazione nazionale ed internazionale.

“Mi sono inserito all’interno del dialogo sul volontariato - dice Bellucci - aiutando il gruppo ad individuare le buone pratiche e le raccomandazioni da inserire poi nella dichiarazione finale da presentare alla UE, con l’obiettivo primario di poterle applicare in campo europeo, mettendo a servizio gli anni di esperienza come tutor dei volontari del servizio europeo e di volontari del servizio civile nazionale”.

 

“Come facilitatori abbiamo cercato ogni giorno di adeguare le modalità di lavoro alle reali esigenze dei partecipanti – prosegue - L’attività che ha riscosso maggior interesse e successo è stata l’ “Action coffee”: un briefing, un momento in cui le persone potevano confrontare le proprie idee, discutere e produrre proposte concrete”.

“Cosa ho riportato nella mia valigia da Cipro? – conclude Michele - Una maggior conoscenza di ciò che succede negli altri paesi nell’ambito dello sport e dello sport per tutti. Un’esperienza di ottimo lavoro di gruppo, molti contatti e una rete interessante e stimolante, la voglia di proporre e realizzare progetti con molti di loro, che possa essere un continuum del Forum e un follow up di ciò che è iniziato a Cipro: inoltre posso dire di essere cresciuto anche dal punto di vista formativo, avendo avuto la possibilità di lavorare e confrontarmi con altri trainer, aggiungendo molto al mio bagaglio di formazione sia per la metodologia che per le attività ed il problem solving”

In conclusione del Forum il gruppo ha prodotto un documento, la Pink Paper, stata presentata dai partecipanti alle istituzioni politiche presenti. (di Elisabetta Taschini)

 

fonte www.welfareeuropa.it

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Referendum Lombardia tra crisi dello Stato e derive centrifughe, tra muscoli e furbizie politiche

di Marco Pezzoni. Domenica 22 ottobre 7 milioni e 700 mila lombardi verranno chiamati ad un Referendum consultivo e senza quorum per pronunciarsi sulla richiesta di maggior autonomia della Lombardia. Nella stessa giornata si tiene in Veneto un Referendum simile, però con quorum, cosa che dimostra la maggior sicurezza del gruppo dirigente leghista in quella regione. In Lombardia si voterà con voto elettronico e ogni seggio elettorale sarà dotato di tablet. Metodo di voto nuovo che è servito a distrarre dal significato e dalla portata di questo referendum. Ad esempio che nelle intenzioni dei promotori non c'è alcuna volontà di tenere in seria considerazione lo spirito dell'articolo 75 della Costituzione italiana là dove recita "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio", visto che il cuore della propaganda dei due Governatori leghisti Maroni e Zaia è il differenziale fiscale tra quanto Lombardia e Veneto "regalano" allo Stato e alle regioni del Sud e quanto ricevono. Il centrodestra in Lombardia e in Veneto dimostra comunque di avere una strategia politica e propagandistica se non altro pensata e concordata, chiaramente strumentale ma efficace. Invece il PD, dopo la sconfitta del 4 dicembre sul referendum costituzionale, si mostra incerto e confuso sia nella strategia che nella tattica. Il suo segretario Matteo Renzi è in giro col suo "tour in treno", totalmente assente dalla partita che si gioca nel Nord italia. continua>>
Altro…