Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo EMIGRAZIONE IMMIGRAZIONE Donald Trump ordina un nuovo muro tra Stati Uniti e Messico

Donald Trump ordina un nuovo muro tra Stati Uniti e Messico

25 gennaio 2017. Donald Trump ha firmato l'ordine esecutivo per dare il via alla costruzione del nuovo muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. E'più corretto parlare di nuovo muro, perchè barriere di vario tipo lungo il confine con il Messico esistono già, anche se coprono solo parzialmente l'intero tracciato che è di 3.200 km. Ma il 45esimo presidente ha inteso dare un rilievo più complessivo al suo progetto: prima viene la sicurezza degli Stati Uniti, senza alcuno sconto ai vicini, senza nessuna debolezza verso gli immigrati. Il Messico dovrà piegarsi, volente o nolente e contribuire a finanziare il Muro. E mano dura verso gli immigrati irregolari: a differenza di Obama, carceri lungo il confine e fine della politica del " cattura e poi libera" per chi entra illegalmente.
Donald Trump ordina un nuovo muro tra Stati Uniti e Messico

La moltiplicazione dei muri

Donald Trump ha firmato l'ordine esecutivo per dare il via alla costruzione del nuovo muro lungo il confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Con questa decisione il 45esimo presidente americano mantiene così fede alla promessa fatta in campagna elettorale: «Abbiamo parlato di questo sin dall'inizio», ha detto mentre firmava. Il suo portavoce Sean Spicer ha spiegato che la nazione messicana presieduta da Enrique Pena Nieto pagherà «in un modo o nell'altro» per quella che ha chiamato «una grande barriera fisica».

Inutilmente due giorni prima Pena Nieto aveva detto di non credere ai muri ma alla promozione di «confini che ci uniscono piuttosto che dividerci». Così come non sono serviti gli appelli da parte messicana a non procedere unilateralmente a decisioni che aggraverebbero le tensioni sociali in entrambi i Paesi. Su questo delicatissimo tema si è anche rinviato un incontro tra Trump e Pena Nieto per non aggravare la divergenza tra i due Governi e non rendere plateale l'umiliante richiesta al Messico di pagare le spese del muro.

Un secondo ordine esecutivo firmato da Trump prevede più poteri delle autorità contro gli immigrati irregolari: saranno creati più spazi detentivi lungo il confine, sarà messa fine alla politica del “catch and release” (cattura e libera) dell'amministrazione Obama e non saranno più concessi finanziamenti alle cosiddette «città santuario», quelle che proteggono gli illegali.

Il progetto del nuovo muro non è stato ancora definito e finirà per somigliare più alle barriere già esistenti che non alla Grande Muraglia cinese evocata in campagna elettorale. Il costo dovrebbe aggirarsi sugli 8 miliardi di dollari. «Al 100% a carico del Messico», continua a ribadire Trump. Se il Messico si rifiutasse di versare quella somma, potrebbe essere cambiata una regola dell'US Patriot Act (una legge anti terrorismo) trattenendo così parte dei fondi inviati dagli immigrati messicani in patria attraverso i bonifici.

La nuova barriera, che si aggiungerebbe a quelle esistenti, deve essere ancora ben definita dal lavoro congiunto di Dogane e staff per la protezione dei confini. E' stato identificato un tratto totalmente scoperto di circa 650 km dove potrebbe essere eretta una buona parte del  nuovo muro, lungo i circa 3.200 km di frontiera tra San Diego e Tijuana che segnano i confini tra quattro Stati Usa - California, Arizona, New Mexico e Texas - e sei Stati messicani.

Al momento circa 1.030 chilometri sono già protetti da forme di recinzione costruite in tre diverse operazioni. Si tratterebbe quindi di aggiungerne altre. E potrebbe non essere tutto muro, ma in parte anche una serie di recinzioni con reti metalliche o filo spinato, come ha ammesso Trump dopo l'elezione, in accordo con quanto proposto dai repubblicani al Congresso.

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Referendum Lombardia tra crisi dello Stato e derive centrifughe, tra muscoli e furbizie politiche

di Marco Pezzoni. Domenica 22 ottobre 7 milioni e 700 mila lombardi verranno chiamati ad un Referendum consultivo e senza quorum per pronunciarsi sulla richiesta di maggior autonomia della Lombardia. Nella stessa giornata si tiene in Veneto un Referendum simile, però con quorum, cosa che dimostra la maggior sicurezza del gruppo dirigente leghista in quella regione. In Lombardia si voterà con voto elettronico e ogni seggio elettorale sarà dotato di tablet. Metodo di voto nuovo che è servito a distrarre dal significato e dalla portata di questo referendum. Ad esempio che nelle intenzioni dei promotori non c'è alcuna volontà di tenere in seria considerazione lo spirito dell'articolo 75 della Costituzione italiana là dove recita "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio", visto che il cuore della propaganda dei due Governatori leghisti Maroni e Zaia è il differenziale fiscale tra quanto Lombardia e Veneto "regalano" allo Stato e alle regioni del Sud e quanto ricevono. Il centrodestra in Lombardia e in Veneto dimostra comunque di avere una strategia politica e propagandistica se non altro pensata e concordata, chiaramente strumentale ma efficace. Invece il PD, dopo la sconfitta del 4 dicembre sul referendum costituzionale, si mostra incerto e confuso sia nella strategia che nella tattica. Il suo segretario Matteo Renzi è in giro col suo "tour in treno", totalmente assente dalla partita che si gioca nel Nord italia. continua>>
Altro…