Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Fatti riconoscere
This Logo Viewlet registered to qPloneSkinBusiness4 product
Tu sei qui: Home Democratici Nel Mondo CLIMA AMBIENTE ENERGIA GAS SHALE: TRA USA E RUSSIA UNA NUOVA GUERRA FREDDA ENERGETICA

GAS SHALE: TRA USA E RUSSIA UNA NUOVA GUERRA FREDDA ENERGETICA

In seguito all'avvio dell'esportazione di oro blu non convenzionale liquefatto dal parte di Washington, Mosca si allarma e prende contromosse. Polonia, Australia, Indonesia, Cina, Australia, Giappone e India i nuovi protagonisti oltre a Stati Uniti d'America e Federazione Russa.
GAS SHALE: TRA USA E RUSSIA UNA NUOVA GUERRA FREDDA ENERGETICA

Gasdotti

Una nuova mappa della geopolitica energetica con nuovi equilibri e nuove sfide.

Nella giornata di mercoledì, 24 Ottobre, il Presidente russo, Vladimir Putin, ha invitato pubblica,ente i membri della Commissione per lo Sviluppo Strategico della Federazione Russa a prepararsi per affrontare l'emergenza dettata dal gas shale.

Noto anche come gas di scisto, lo shale e un gas prelevato da rocce porose poste ad alta profondità. L'avvio del suo sfruttamento in USA e Canada ha portato i due Paesi del Nordamerica ad insidiare la Russia nel mercato delle esportazioni di oro blu in Europa.

"La geografia della politica energetica e cambiata - ha dichiarato Putin - la Russia si deve preparare a rivalizzare con gli Stati Uniti d'America e con il Canada per mantenere la leadership nel settore del gas".

Altra protagonista della nuova guerra fredda del gas e la Polonia. Come riporta l'autorevole Gazeta Wyborcza, il territorio polacco contiene secondo le stime 760 Miliardi di metri cubi di shale: tanto da soddisfare il fabbisogno europeo per i prossimi vent'anni.

Il Governo polacco ha ceduto concessioni per i lavori di indagini a compagnie nazionali e statunitensi - CoconocoPhilips e Chevron - ma la rivoluzione shale non riguarda solo il mercato Europeo.

Come riportato dall'autorevole portale Natural Gas Europe, una serie di economie emergenti ha avviato un massiccio piano per la costruzione di rigassificatori orientati all'utilizzo del gas di scisto liquefatto.

Oltre alla Cina, interesse nei confronti dello scisto e stato manifestato concretamente dall'Indonesia. India ed Australia hanno siglato accordi con gli USA miranti all'importazione e allo sfruttamento di gas non convenzionale sul proprio territorio, mentre il Giappone solo all'inizio di Ottobre ha scoperto nel proprio sottosuolo giacimenti di gas e greggio shale.

Il sorpasso tra Stati Uniti d'America e Federazione Russa

Secondo le stime, con i suoi 821 miliardi di metri cubi di gas shale gli Stati Uniti d'America nel 2035 toglieranno alla Russia il primato delle esportazioni. Mosca Sara infatti capace di produrre non più di 784 miliardi di metri cubi di oro blu all'anno.

Eccetto la Polonia, fanalino di coda della rivoluzione shale resta l'Europa, come dimostrato dalla Francia.

Alla meta di Ottobre, il Presidente transalpino, Francois Hollande, ha messo in mora la ricerca di oro blu non convenzionale nel sottosuolo francese, stimato come la seconda riserva di scisto dopo la Polonia in Europa.

Matteo Cazzulani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Prove di coalizione, ma il Rosatellum è funzionale ad un futuro Governo Renzi-Berlusconi

di Paolo Bodini. Mentre le varie forze politiche si sentono già in campagna elettorale ed entro il mese di dicembre stringono i tempi per gli apparentamenti ( più che per vere e proprie coalizioni); mentre la temperatura sale e le polemiche si fanno più aggressive su tutti i media, il cittadino elettore è indotto a pensare che nel tripolarismo italiano i tre poli - Forza Italia con Salvini e Meloni, PD di Renzi con i suoi nuovi "cespugli", Movimento 5 Stelle - siano davvero alternativi tra di loro. Purtroppo non è così. Ad affossare la logica dell'alternanza viene in aiuto la nuova Legge elettorale, il Rosatellum, fatto passare in Parlamento a colpi di fiducia. Il Rosatellum è predisposto in modo da favorire, se non rendere inevitabile, l'accordo di Governo tra Renzi e Berlusconi. Ecco perchè. continua>>
Altro…